I 5 obblighi padrone diligente

Avere un cane porta grandi benefici all’umore perché il suo affetto è sempre straordinario e chi possiede un cane questo lo sa bene. Tuttavia, avere un animale significa esserne sempre e comunque responsabili ed è importante tenersi costantemente aggiornati rispetto alla normativa vigente e alle novità che si susseguono. Più precisamente, chi è proprietario o chi ne abbia la custodia anche solo per un periodo limitato di tempo ne è responsabile civilmente e penalmente per gli eventuali danni provocati a terzi. In particolare, si possono individuare cinque obblighi che caratterizzano la diligenza di un proprietario di cane.

1. Guinzaglio corto

A tal proposito, secondo l'ordinanza del Ministero della Salute consultabile sulla Gazzetta ufficiale 209/13, il cane deve essere portato a spasso nelle aree urbane con un guinzaglio la cui lunghezza non può superare il metro e mezzo — il cosiddetto "guinzaglio corto" — con l'eccezione delle aree riservate ai cani e disposte direttamente dai Comuni.

cane-guinzaglio.jpg

2. Museruola

Il proprietario, inoltre, ha l'obbligo di portare con sé la museruola, morbida o rigida, da applicare se si ponga a rischio l'incolumità di persone, cose o animali. La museruola va applica anche se richiesta dalle autorità competenti.

3. Raccolta feci

Ovviamente è obbligatorio raccogliere le feci del proprio cane con strumenti adeguati, onde evitare di lordare il suolo pubblico. Per fare ciò, si possono utilizzare buste di plastiche (e ve ne sono di apposite per le feci dei cani), oppure con le palette per la raccolta.

Per informazioni su come assicurare il tuo cane ti può interessare il nostro articolo
" Assicurazione - guida alle proposte online "

4. Custodia e responsabilità

Da tenere a mente che se, per diverse ragioni, non potessimo occuparci temporaneamente del nostro amato animale, l'affidamento anche solo temporaneo deve essere a favore di persone effettivamente in grado di gestire l'animale.

5. Registrazione

Si rammenti poi che esiste un obbligo a priori, ossia la registrazione del proprio cane all'anagrafe canina presso il servizio veterinario dell'ufficio Asl competente per territorio. Una volta terminata la registrazione, si hanno 15 giorni a disposizione per effettuare l'operazione di tatuaggio o di impianto del microchip sul cane, sempre a cura del servizio veterinario dell'Asl. Si tratta di strumenti assolutamente indispensabili per il riconoscimento del cane e di notevole utilità in caso di smarrimento dell'animale. In aggiunta, è appropriato apporre una medaglietta identificativa al collare del cane, la quale riporti gli estremi necessari per essere identificato e i dati per contattare il proprietario.

ed in più ... Corsi formativi per tutti

Infine, il proprietario che desidera saperne di più può frequentare uno dei corsi formativi organizzati dal proprio Comune e ottenere, mediante frequenza alle lezioni, il relativo patentino. Sono inoltre possibili, in taluni casi, dei corsi ad hoc per chi possegga di cani di grossa taglia. Le spese per il percorso formativo restano comunque a carico del proprietario del cane.


Ecco quindi come, in modo agevole, ciascuno possa diventare un proprietario di cane consapevole delle responsabilità e diligente nella condotta.
 

Il preventivo è gratuito e senza impegno

Riceverai risposta in tempi brevi con dettagli, aggiornamenti ed informazioni sui prezzi delle nostre soluzioni (assicurazione animali) e dei nostri servizi! Il servizio di consulenza gratuita ti aiuta a scegliere la migliore assicurazione. Provalo!

 
Accetto
 
Accetto e scelgo quali informazioni ricevere
Categorie Blog Tags